La delegazione di Sesto San Giovanni
Le origini
L'idea venne lanciata dal comm. Mario Ferrario, Console Provinciale della Federazione dei Maestri del Lavoro di Milano, in considerazione del numero sempre crescente di sestesi insigniti della Stella al Merito del Lavoro.
L'impresa non si presentava facile a quel tempo: individuare e ricercare le persone promosse negli anni precedenti, acquisire una sede, darsi un'organizzazione che non fosse di semplice facciata, promuovere in loco significative attivita' in sintonia con lo statuto e gli scopi della Federazione Nazionale.
Dopo non poche incertezze e perplessita', nel maggio del 1972, Giordano Lattuada ruppe ogni indugio e convinse il collega neo Maestro Giuseppe Colzani ad assumere l' incarico di Coordinatore del Comitato Promotore. Si coalizzarono nell' iniziativa altri 17 Maestri del Lavoro e con il beneplacito del Console di Milano si prese il volo.
Il 5 giugno 1972, presso l' aula dei professori della Scuola di meccanica e di disegno macchine di via G.E. Falck 44, gentilmente concessa dalla Societa' di Mutuo occorso (altro Ente Morale sestese da non dimenticare), si tenne la prima riunione della Delegazione in pectore, alla quale parteciparono 19 membri, che individuarono gli altri 17 Maestri sestesi da contattare.
Nella successiva del 19 giugno vennero distribuiti i primi incarichi provvisori:
  • Giuseppe Colzani Capo Delegazione
  • Giordano Lattuada Consigliere
  • Diego Manassi Consigliere
  • Aldo Varisco Consigliere
  • Giulio Didoni Tesoriere
Si decise, inoltre, di programmare un incontro dei Maestri del Lavoro locali con il Console di Milano, di acquistare un labaro per la partecipazione alle cerimonie di rappresentanza, di nominare la madrina, di chiedere al Comune di Sesto il riconoscimento della Benemerenza Civica ai sestesi insigniti della Stella al Merito in consonanza con quelli di Monza e Milano
I Responsabili della Delegazione si rimboccarono le maniche e, come al solito, si dovettero ingegnare per trovare i fondi necessari. Il primo aiuto venne, naturalmente, dai Soci, dal Consolato di Milano, che acconsenti' di trattenere per quell' anno le quote eccedenti ai contributi sociali fissati dalla Federazione, e dalla Societa' di Mutuo Soccorso che mise a disposizione un proprio locale per la sede.
Nei primi mesi del 1973 si propose alla compianta professoressa Angiola Maria Barbizzoli Migliavacca, allora Presidente della Ditta Davide Campari, di diventare la madrina del labaro; proposta che accetto' con molto entusiasmo. Intanto il sindaco Libero Biagi, previa approvazione degli organi competenti, comunico' la decisione di riconoscere ai Maestri del Lavoro sestesi la Benemerenza Civica.
Il 16 settembre 1973, in occasione della cerimonia del primo anniversario del conferimento alla citta' della Medaglia D'Oro al V.M., svoltasi nella sala consiliare del palazzo comunale, con altri benemeriti cittadini, vennero premiati i 36 Maestri, di cui 2 alla memoria. Da allora la cerimonia si ripete ogni anno, con la consegna ai neo Maestri dell'attestato e della medaglia d'oro.
Prima Assegnazione della Benemerenza Civica Ventidue Settembre Millenovecentosettantatre
Il 16 marzo 1974, con una grane cerimonia, il prevosto di Sesto, monsignor Aldo Mauri, benedi' il labaro della Delegazione nella cappella del Centro Parrocchiale di via Cavour, alla presenza della Madrina, con la parteipazione di autorita' civili e militari, dei Maestri del Lavoro e dei loro familiari, del Console e del Vice di Milano e dei delegati di Monza e Legano. Ne segui' un festoso rinfresco offerto dalla societa' Falck presso il suo centro sociale aziendale
Sono passati appena due anni, e la Delegazione si e' completamente affermata: segno della vitalita', dell'iniziativa e della volonta' dei suoi pionieri e dei suoi prosecutori; tanto che l'11 dicembre 1989 si benedi' un secondo labaro, piu' confacente del primo, di cui fece da Madrina la signora Spinelli Maria Rosa in Mandelli, moglie dell'attuale Presidente onorario della Banca di Credito Cooperativo. Man mano il sodalizio, ormai ben avviato, cresce e si afferma nella comunita' locale. Ora conta 107 iscritti e prosegue nel suo cammino di riconoscenza a tutti i lavoratori di impegno nella solidarieta'. Qui ci fermiamo! Raccontare la storia di questi anni di vita associativa richiederebbe molte pagine e, purtroppo, non ci risparmierebbe da qualche involontaria dimenticanza che sicuramente si avverte anche in questa breve panoramica. Ne chiediamo scusa.
Crediamo sia doveroso ricordare che il 28 maggio 1989 l'Amministrazione comunale, retta dal sindaco Fiorenza Bassoli, intitolava una via cittadina ai Maestri del Lavoro, e non possiamo dimenticare, in questa pur veloce carrellata, coloro che ci hanno dato consensi ed aiuti per avviare e continuare la nostra opera e che, salvo dimenticanze, di cui ci scusiamo, citiamo in ordine alfabetico, ringraziandoli:
  • Amministrazione comunale di Sesto San Giovanni
  • Associazioni Lavoratori Anziani d'Azienda di: Breda, Campari, Falck e Marelli
  • Banca di Credito Cooperativo (gia' Cassa Rurale) di Sesto San Giovanni
  • Kluber Lubrication Italia
  • Societa': Breda, Campari, Falck e Marelli
  • Societa' di Mutuo Soccorso di Sesto San Giovanni
Inaugurazione della via Maestri del Lavoro

Notizie in breve
Attualmente l'istituzione comprende 107 iscritti, che si riuniscono in assemblea almeno una volta all'anno per l'approvazione del rendiconto dell'esercizio annuale, la previsione di quello successivo, la comunicazione delle attivita' svolte e da mettere in programmazione
Ogni 3 anni l'assemblea provvede all'elezione del proprio Consiglio e dei Revisori dei conti; a sua volta il Consiglio elegge il Capo Delegazione. Il Segretario ed il Tesoriere possono non essere componenti del Consiglio. Tutte le cariche, anche quelle non elettive, sono svolte gratuitamente.
Per conoscere in dettaglio l'attuale Consiglio e le cariche, consigliamo di visitare una delle sezioni che troverete a lato


Torna indietro