La Manica Lunga del Quirinale
La Manica Lunga del Quirinale L'imponente fabbricato della cosiddetta Manica Lunga costituisce il lato sud del complesso architettonico del Quirinale. La costruzione del primo nucleo del corpo di fabbrica avviene durante il pontificato di Sisto V Peretti (1585-1590), come caserma e alloggio delle guardie svizzere. Durante il pontificato di Urbano VIII Barberini (1623-1644) l'ampliamento della proprieta' pontificia di Montecavallo giustifica il prolungamento della caserma delle guardie svizzere, mentre cautele di carattere difensivo inducono alla eliminazione di tutte le finestre del piano terreno. Durante il pontificato di Alessandro VII Chigi (1655-1667), Gianlorenzo Bernini cura la sistemazione del Braccio Lungo, definendo l'assetto della facciata sull'antica Via Pia (oggi via del Quirinale) fino al portone d'accesso al giardino, ancora oggi esistente. Sul versante interno che si affaccia sul giardino, connota il lungo edificio con caratteristiche architettoniche piu' aggraziate quali l'inserimento di un arioso doppio loggiato al primo e al secondo piano. Bernini non porta a compimento il progetto del prolungamento della Manica Lunga verso il Casino Cantalmaggio (ora Palazzina del Segretario della Cifra); tocca ad Alessandro Specchi (1724) e quindi a Ferdinando Fuga (1731-1732), completare l'opera rispettando e non alterando l'originaria impostazione berniniana. Profondi cambiamenti subisce, invece, la Manica Lunga durante il periodo sabaudo: le ricorrenti e assilanti esigenze di creare nuovi spazi, portano alla sopraelevazione dell'intero braccio e, per la neccessita' di dotare l'edificio di un corridoio chiuso che collegasse interamente il palazzo con la residenza privata del re, ora collocata nella Palazzina, il secondo loggiato viene parzialmente murato e definitivamente compromesso.
Al piano nobile della Manica Lunga, si trovano gli Appartamenti Imperiali, realizzati e decorati in occasioni delle visite al Quirinale dell'Imperatore Guglielmo II di Germania nel 1888 e nel 1893. Gli Appartamenti e le annesse Foresterie assolvono tuttora il compito di ospitare le personalita' in visita di Stato presso il Palazzo del Quirinale.

Tratto da www.quirinale.it


Torna indietro