La Bandiera Italiana dall'Unita' ai giorni nostri
Il 14 Marzo 1861 venne proclamato il Regno d'Italia e la sua bandiera continuo' ad essere, per consuetudine, quella della Prima Guerra d'Indipendenza. Ma la mancanza di un'apposita legge al riguardo, emanata soltanto per gli stendardi militari, port o'alla realizzazione di vessilli di foggia diversa dell'originaria, spesso addirittura arbitrarie. Soltanto nel 1925 si definirono, per legge, i modelli della bandiera nazionale e della bandiera di Stato. Quest'ultima (da usarsi nelle residenze dei sovrani, nelle sedi parlamentari, negli uffici e nelle rappresentanze diplomatiche) avrebbe aggiunto allo stemma la corona reale. Dopo la nascita della Repubblica, un decreto legislativo presidenziale del 19 Giugno 1946 stabili' la foggia provvisoria della nuova bandiera, confermata dall'Assemblea Costituente nella seduta del 24 Marzo 1947 e inserita nell'articolo 12 della nostra Carta Costituzionale. E perfino dall'arido linguaggio del verbale possiamo cogliere tutta l'emozione di quel momento. Queste le parole del Presidente Ruini: Pongo ai voti la nuova formula proposta dalla Commissione: La bandiera della Repubblica il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a bande verticali e di eguali dimensioni". approvata. L'Assemblea e il pubblico delle tribune si levano in piedi. Vivissimi, generali, prolungati applausi.

Tratto da www.quirinale.it


Torna indietro